Traffico Social, Web e Funnel: ecco la guida dettagliata per imparare come ottenerlo

Ciao! Hai cliccato il Link che ti ha condotto a questa guida per un motivo molto semplice. 

Vuoi conoscere, una volta per tutte, come portare traffico e visitatori al tuo Sito Web, al tuo Funnel o ai tuoi profili Social.

Parto subito con un’ottima notizia.

Una volta terminata la lettura di questo mega articolo avrai tutte le conoscenze necessarie per farlo. 

Non solo!

Avrai tra le mani anche i primi suggerimenti operativi per iniziare immediatamente a mettere in pratica quello che imparerai. 

In modo da incrementare fin da subito il traffico e il numero di visitatori del tuo sito web, del tuo Funnel o dei tuoi profili Social.

Nelle prossime righe entreremo nel vivo dell’argomento di questa guida, tuttavia se ancora non hai fissato la tua call strategica gratuita di 30 minuti con me ti invito a prenotarla CLICCANDO QUI. 

Vedremo insieme se e come posso aiutarti a impostare una corretta strategia di traffico per il tuo Funnel, il tuo Sito Web o i tuoi Profili Social.

Bene, adesso partiamo.

Parlando di Aspettative.

Parliamo di Aspettative

Prima di affrontare il tema Traffico, per me è di fondamentale importanza parlare di aspettative. 

Perché?

Perché chi non conosce come funzionano il digital marketing e il mondo dei social, commette sempre un errore enorme.

Sopravvaluta in modo pazzesco i risultati che può ottenere in relazione agli sforzi messi in campo.

Si aspettano di pubblicare oggi un post su Instagram (totalmente a caso e senza alcuna strategia).

Domani vogliono 1000 nuovi follower e 10 nuovi clienti.

Si aspettano di pubblicare oggi un sito web fatto in modo approssimativo (magari da “miocuggino”).

Domani si aspettano di avere migliaia di persone che lo visitano e di essere tra i primi risultati nella ricerca di Google.

Oggi creano una Landing page e un Funnel di vendita.

Domani si aspettano di avere centinaia di clienti pronti a inserire i dati della propria carta e a regalare loro centinaia o migliaia di euro.

Sai perché ti parlo di aspettative prima di parlarti di come portare traffico e visitatori al tuo sito web, al tuo funnel o ai tuoi profili Social?

Perché sono stato anch’io vittima di aspettative esagerate.

La colpa è dei tanti “guru” che ti raccontano storie fantastiche su come cambiare la tua vita con un click (come succede nel vecchio film con Adam Sandler).

Quando ho iniziato, pensavo fosse sufficiente pubblicare qualche post, creare qualche inserzione pubblicitaria, mandare una manciata di mail di vendita e….. ZAC! 

Il gioco era fatto!

Se qualcuno ti racconta qualcosa del genere, mi permetto di darti un consiglio. 

Fuggi a gambe levate!

I Social Media e il Marketing Online non sono un gioco, sono un lavoro vero e proprio.

Che ha bisogno di strategie (e di tempo) per portare non solo i risultati auspicati, ma anche di mantenerli ed accrescerli nel tempo.

Bisogna dargli tempo e trattarlo come un lavoro vero e proprio.

Questa premessa per me era importantissima.

Dopo averla fatta (ed essere stato il più chiaro possibile), possiamo entrare nel vivo dell’argomento di questo articolo scoprendo come portare traffico al tuo sito web al tuo funnel o ai tuoi profili social.

Se invece vuoi fissare la tua call strategica gratuita di 30 minuti con me per capire se e come posso aiutarti a portare traffico a uno o più dei tuoi canali, CLICCA QUI per prenotarti subito.

 

Il primo step del Funnel

In realtà il Funnel che permette di avere nuovi clienti è formato da diversi step strategici che le persone devono compiere prima di diventare nostri clienti, visitatori assidui dei nostri profili Social o lettori affezionati del nostro blog o sito web.

Il primo step in assoluto di quello che è il nostro Funnel consiste nel fatto di essere trovati dai nostri utenti target.

Devono arrivare in qualche modo al nostro profilo Social, al nostro sito web o alla nostra Landing Page.

Tutte le persone che ci trovano e ci raggiungono, rappresentano il nostro traffico.

In questa guida vediamo proprio quali sono tutte le fonti da cui proviene il traffico e come sfruttarle.

I profili Social, il sito web e le landing page sono come dei fiumi che hanno bisogno di acqua per scorrere e fluire.

Quello di cui abbiamo bisogno sono una o più fonti che portino acqua (cioè utenti) verso la destinazione che desideriamo.

Spesso capita per esempio, quando si crea un funnel di vendita, che l’unica fonte di traffico presa in considerazione siano le Facebook Ads.

Magari si ha la pretesa che investendo una manciata di euro al giorno (senza avere competenze in advertising) si ottengano decine di clienti pronti ad acquistare e a lasciarci il proprio denaro.

Oppure, se si apre un sito web, l‘unica fonte di traffico che si cerca è quella organica, che arriva dalle ricerche di Google.

Oggi pubblico il sito e inizio a sperare di trovarmi nei primi risultati di ricerca di Google usando qualche trucchetto a buon mercato trovato sul Web.

Quelle che ti ho appena citato sono solo due delle fonti di traffico che possono esserci utili per raggiungere i nostri obiettivi.

Tuttavia il mio suggerimento è quello di utilizzarne quante più possibile, in modo da creare tra loro una sinergia.

Facendo in modo che lavorino simultaneamente.

Nei prossimi paragrafi andiamo a vedere una ad una tutte le fonti di traffico, cioè tutti i modi per portare visitatori al tuo sito web, al tuo Funnel e ai tuoi profili Social.

Analizzeremo per ognuna delle fonti tutti i suoi aspetti e vedremo come utilizzarle all’interno di una valida strategia di marketing digitale.

SUGGERIMENTO: dopo aver letto questo articolo prenditi qualche minuto di tempo per capire:

  • Quali fonti di traffico già stai utilizzando (e se puoi ottimizzarle)
  • Quali puoi iniziare ad utilizzare in breve tempo
  • Come puoi integrarle nella tua strategia di marketing digitale
  • Se invece vuoi parlarne assieme a me, fissa un appuntamento cliccando qui.
 

Per approfondire

Ecco alcuni libri che ti aiuteranno ad approfondire l'argomento trattato in questo articolo. Fai click per trovarli su Amazon

Traffico Organico

Il traffico organico è tutto il traffico che proviene dai motori di ricerca.

Quando facciamo una ricerca su Google e clicchiamo uno dei link che ci viene proposto, quello è traffico organico per il sito Web.

Google è il motore di ricerca più famoso e utilizzato, ma ce ne sono anche altri (come ad esempio Bing, Yahoo o Duck Duck go).

Tutto il traffico che uno qualsiasi dei motori di ricerca porta a un qualsiasi sito web (o a un profilo Social) è traffico organico.

Come funziona il traffico organico in due parole?

Quando cerco una parola chiave, ad esempio Idraulico Roma, il motore di ricerca mi restituirà i risultati più pertinenti relativi a quella parola chiave.

L’ordine con il quale questi risultati vengono mostrati varia da utente a utente, in base allo storico delle ricerche che ognuno di noi effettua e sulla nostra cronologia di navigazione.

Per cui la stessa ricerca di idraulico Roma potrebbe portare risultati differenti.

Possiamo controllare questo traffico?

Possiamo controllarlo in parte. 

Difatti possiamo fare in modo che il nostro sito venga categorizzato e indicizzato per quella parola chiave specifica grazie alla SEO.

Quello che ho appena detto vale anche per le piattaforme Social.

Ogni piattaforma possiede un motore di ricerca interno che possiamo sfruttare a nostro vantaggio.

Perché possiamo controllarlo solo in parte?

Perché non abbiamo alcun tipo di controllo diretto sulla mole di ricerche mensile che viene effettuata per quella determinata parola chiave.

Traffico Referral

Il traffico Referral è tutto quel traffico proveniente dall’esterno che non controlliamo direttamente.

Vale a dire il traffico proveniente da altri siti web o altri profili social che condividono uno dei nostri link.

Ogni volta che noi stessi condividiamo con qualcuno il link a una pagina web, quello che stiamo facendo è, di fato, portare traffico referral a quel sito web. 

È possibile controllarlo in parte.

Ad esempio creando contenuti di valore e di interesse per la nicchia di persone con cui vuoi comunicare.

In questo caso saranno più portate e invogliate a farlo.

Quante volte ti è capitato di trovare qualcosa di davvero interessante e lo hai immediatamente condiviso coi tuoi amici sui tuoi social, su whatsapp o telegram?

Un altro modo per controllare il traffico Referral è stringendo collaborazioni con siti web, brand i personal brand per fare in modo che condividano nostri link significativi.

A prodotti specifici, a nostri contenuti o alle nostre Landing page.

Ti faccio un esempio molto semplice per portare Traffico Referral a questo articolo.

Basta una semplice Call To Action del tipo: “condividi coi tuoi amici questo articolo se pensi possa essere utile loro”.

Ovviamente non tutti lo faranno, ma alcuni probabilmente sì, generando quindi Traffico Referral in direzione di questo articolo.

 

Traffico da Social

Nel paragrafo precedente ho parlato dell’importanza della creazione di contenuti di valore da pubblicare sui nostri profili Social o sul nostro sito Web.

Un esempio molto semplice è questo articolo o gli altri che trovi in questo Blog.

Il loro scopo è quello di aiutare il lettore a risolvere una sua specifica problematica o un quesito.

Per promuoverli uno dei modi più semplici è quello di generare traffico verso questo sito web da una o più piattaforme Social.

Oggi il traffico che le piattaforme di Social Media sono in grado di portare è di gran lunga quello più significativo e numeroso.

Possiamo affermare che oggi come oggi capita sempre più spesso di affezionarsi a un brand o a un personal brand che abbiamo conosciuto grazie ai Social Media.

E poi di approfondire la sua conoscenza sulle altre piattaforme.

I social sono quindi un tassello nevralgico per ogni strategia di traffico.

Capita infatti a ognuno di noi di scorrere il feed del nostro social preferito e di cliccare il link contenuto nel post.

Questo capita perché quel contenuto risponde al nostro interesse e ha catturato la nostra attenzione.

Quindi se siamo bravi ad individuare in modo corretto la nostra nicchia e a pubblicare contenuti di grande interesse per loro, abbiamo una fonte inesauribile di traffico (completamente gratuito).

Queste persone (ricordiamo sempre che dall’altra parte dello schermo ci sono persone, non numeri), col tempo possono anche diventare nostri “fan”.

Saranno quelli che acquisteranno i nostri prodotti per primi e ci consiglieranno ai propri amici e conoscenti.

L’aspetto ancora più bello del traffico da Social è il fatto che (al netto di cambi dell’algoritmo e della distribuzione dei contenuti), ne abbiamo il pieno controllo.

Dipende totalmente dalla qualità e dalla quantità del lavoro che facciamo sui nostri canali.

Iscriviti alla Newsletter

Una mail a settimana, ogni Lunedì alle 8 (niente Spam).  I migliori contenuti a tema Vendita, Marketing, Funnel e Automazioni,Produttività.

Traffico a Pagamento

Spesso si crede che il traffico a pagamento sia l’unico modo per ottenere contatti, vendite, clienti e traffico.

In realtà, come stiamo vedendo in questo articolo, il traffico a pagamento è solo una delle fonti che ci permette di raggiungere questi obiettivi.

Il traffico a pagamento diventa ancora più efficace nel momento in cui viene integrato con tutte le altre.

Il beneficio numero di questa tipologia di traffico è molto semplice: più traffico acquistiamo, più saremo visibili, più persone cliccheranno verso il nostro sito web o il nostro profilo Social.

Chiaramente Facebook o Google ci forniscono il traffico per cui paghiamo, ma sarà nostro compito riuscire a tramutarlo in contatti, clienti e vendite.

Tramite un sito web, un funnel o un profilo social ottimizzato per la conversione.

Inoltre è un modo perfetto per accelerare la crescita del nostro business in poco tempo.

Il lato opposto della medaglie è che appena smettiamo di acquistare traffico, questo smetterà di arrivare.

Ecco perché anche le altre fonti di traffico diventano importanti per mantenerlo e renderlo costante, senza dover ogni volta pagare per ottenerlo.

Traffico Diretto

Il traffico diretto è dato da tutti coloro che digitano direttamente nel proprio browser o sui Social l’url del nostro sito web o del nostro profilo social cercandoci direttamente.

Non possiamo controllarlo in alcun modo ma possiamo influenzarlo grazie alla creazione di contenuti di valore e all’utilizzo di tutte le altre fonti di traffico.

Conclusioni

Come abbiamo visto in questa lunga guida, lo stesso obiettivo può essere raggiunto attraverso strade completamente diverse tra loto, ma complementari.

Ecco perché quando si decide di iniziare a portare (seriamente) il proprio business online, è decisamente sconsigliabile tuffarsi a capofitto nell’ultima strategia alla moda che ci viene venduta dal guru di turno, ma fare un’analisi che riguarda gli obiettivi che vogliamo raggiungere e le strade migliori per il nostro business per farlo.

Se vuoi finalmente elaborare la tua strategie digitale, fissa la tua call strategica gratuita di 30 minuti cliccando qui e parliamone assieme.

 

Un abbraccio,

Antimo.

Ogni Lunedì alle 8 (niente Spam).
I migliori contenuti a tema Vendita, Marketing, Produttività.